Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

detrazione IRPEF tecnologie solari siciliaTra le agevolazioni per il recupero del patrimonio edilizio, rientrano gli interventi riguardanti il conseguimento di risparmi energetici, come l'installazione di impianti basati sull'impiego delle fonti rinnovabili.

 

La Legge di Bilancio ha prorogato, per tutta la durata del 2019, le agevolazioni fiscali per chi deciderà di ristrutturare il proprio immobile con l'obiettivo di migliorare il risparmio energetico.

Anche l'installazione di un impianto fotovoltaico potrà godere di queste agevolazioni. In particolare, per l'installazione del fotovoltaico su una singola unità abitativa sarà possibile usufruire della detrazione del 50% delle spese sostenute con un limite massimo di 96.000 € per ciascuna unità immobiliare coinvolta nella richiesta.

L'agevolazione può essere richiesta per le spese sostenute nell'anno, e deve essere suddivisa fra tutti i contribuenti che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l'immobile sul quale sono stati effettuati gli interventi.

 

 

Chi può usufruire della detrazione IRPEF?

Possono usufruire della detrazione IRPEF tutti i contribuenti assoggettati all'imposta sul reddito delle persone fisiche, residenti o meno nel territorio dello Stato. L'agevolazione spetta non soltanto ai proprietari degli immobili ma anche ai titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese. Tra questi rientrano:

  • proprietari o nudi proprietari
  • titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
  • locatari o comodatari
  • soci di cooperative, divise o indivise.

 

Rientrano come beneficiari della detrazione, purché ne sostengano le spese e siano intestatari di bonifici e fatture anche:

 

  • il familiare convivente del possessore o detentore dell'immobile oggetto dell'intervento (il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado)
  • il coniuge separato assegnatario dell'immobile instestato all'altro coniuge
  • il componente dell'unione civile
  • il convivente more uxorio, non proprietario dell'immobile oggetto degli interventi né titolare di un contratto di comodato.

 

Nel caso di comproprietari dell'immobile, se la fattura e il bonifico sono intestati ad uno solo di essi, ma le spese di ristrutturazione sono state sostenute da entrambi, la detrazione spetta anche al soggetto che non è stato indicato nei predetti documenti, ma occorre specificare nella fattura la percentuale di spesa sostenuta da quest'ultimo.

Se è stato stipulato un contratto preliminare di vendita (compromesso), l'acquirente dell'immobile ha diritto all'agevolazione se:

  • è stato immesso nel possesso dell'immobile
  • esegue gli interventi a proprio carico
  • se il compromesso è stato registrato entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi in cui si fa valere la detrazione.

 

Può richiedere la detrazione anche chi esegue in proprio i lavori sull'immobile, limitatamente alle spese di acquisto dei materiali uitilizzati

 

 

Gli Interventi Ammessi Alla Detrazione IRPEF per il Conseguimento di Risparmi Energetici.

 

Tra gli interventi che beneficiano della detrazione IRPEF rientrano a pieno titolo quelli effettuati per il conseguimento di risparmi energetici. In particolare quelli che riguardano l'installazione di impianti basati sull'impiego delle fonti rinnovabili di energia.

Tra i lavori agevolabili rientra l'installazione di un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica, perché basato sull'impiego dell'energia solare, fonte rinnovabile di energia.

Per usufruire della detrazione è comuque necessario che l'impianto sia installato per far fronte ai bisogni energetici dell'abitazione (usi domestici di illuminazione, alimentazione di apparecchi elettrici, etc.). Più precisamente, l'impianto deve essere posto direttamente a servizio dell'abitazione.

Questi interventi possono essere realizzati anche in assenza di opere edilizie propriamente dette, è sufficiente produrre idonea documentazione che attesti il conseguimento di risparmi energetici secondo le disposizioni della normativa vigente in materia.