Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Ci sono diversi modi per alleggerire il tuo investimento sullo scaldacqua a pompa di calore, e più in generale sulle tecnologie adatte a raggiungere il risparmio e l'efficienza energetica della tua abitazione o ufficio. Oggi conosceremo un po' più nel dettaglio cosa prevede il Conto Termico.

 

Il conto termico prevede un incentivo, in termini di rimborso,

per la spesa finalizzata all'adozione di sistemi ad alta efficienza energetica

e alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili. 

 

Tra questi dispositivi rientrano, ad esempio, stufe a pellet, termocamini, sistemi di riscaldamento a biomassa, collettori solari termici associati anche a sistemi di solar cooling, sostituzione di boiler elettrici con scaldacqua a pompa di calore, sostituzione di impianti di climatizzazione invernale già esistenti con impianti a pompa di calore di qualsiasi tipologia (aerotermica, idrotermica, geotermica).

 

 

Nel caso dello scaldabagno a pompa di calore il beneficio è previsto solo nel caso della sostituzione,

 

cioè se lo scaldabagno va a sostituirsi ad uno scaldabagno elettrico già esistente nell'abitazione. Dunque lo scaldacqua a pompa di calore non dovrà aggiungersi al boiler già esistente, ma sostituirlo. 

Gli incentivi del conto termico vengono erogati in un solo anno se lo scaldabagno a pompa di calore è di dimensioni inferiori ai 150 litri, se superiore a tale capienza l'incentivo si distribuisce in due quote annuali. Il valore massimo che può raggiungere l'incentivo è di 400 €, per capacità inferiore a 150 litri, mentre raggiunge i 700 € se la capacità è maggiore.

 

Nel caso dei collettori solarisia semplici che associati ad un sistema di solar cooling, 

 

per accedere al conto termico l'impianto non deve superare una superficie lorda complessiva di 1.000 mq. Anche in questo caso l'incentivo è erogato in due anni per collettori solari la cui superficie sia inferiore ai 50 mq, mentre le quote saranno cinque suddivise in cinque anni, se il collettore solare termico avrà una superficie compresa tra i 50 mq e i 1.000 mq. 

 

Se questo articolo ti è piaciuto guarda anche la nostra offerta commerciale

"Mai pensato di risparmiare energia con l'acqua calda?"